La Capitale in prima linea per Stop Global Warming contro il riscaldamento globale

giornata mondiale dell'ambiente 2021

In occasione della Giornata Mondiale dell’Ambiente 2021, il Comune di Roma Capitale ha acconsentito alla proiezione del video a supporto della campagna.

I maxi schermi si trovano in alcune delle location più iconiche della Città Eterna: Campo de’ Fiori, via dei Condotti e via del Corso.

In occasione della Giornata Mondiale dell’Ambiente 2021, Roma Capitale rinnova il suo supporto alla campagna Stop Global Warming, l’iniziativa dei cittadini europei contro il riscaldamento globale, che ha l’obiettivo di raccogliere un milione di firme entro il 22 luglio per sottoporre alla Commissione Europea la proposta di spostare le tasse dal lavoro all’ambiente, istituendo una “carbon tax” europea. Ovvero: chi inquina, paga.

Dal 4 al 6 giugno un nuovo video realizzato dalla campagna Stop Global Warming sarà infatti proiettato negli spazi Urban Vision di alcuni luoghi iconici della Capitale come Campo dei Fiori, Via del Corso e Via dei Condotti. L’iniziativa è supportata da Roma Capitale, con l’obiettivo di sensibilizzare tutti i cittadini sul tema del riscaldamento globale e di ciò che possiamo fare per combatterlo.

Il video sottolinea l’urgenza di una azione concreta, come sostenere la campagna Stop Global Warming, per tornare a far “respirare la Terra”, vittima degli effetti devastanti dei cambiamenti climatici.

“Roma e Dublino sono le prime due capitali europee ad aver sostenuto l’Iniziativa dei Cittadini Europei Stop Global Warming“, ha dichiarato Marco Cappato, promotore della campagna.

“Come promotori dell’iniziativa ne siamo felici e fieri, perché Roma è un punto di riferimento internazionale sul piano culturale, artistico e religioso, che può aprire la strada all’adesione di molte altre realtà in Europa. Come grande città del Sud Europa, Roma è anche -nel bene e nel male- terra di frontiera delle grandi pressioni migratorie, sempre più dovute ai danni che i cambiamenti climatici stanno provocando già in Africa e in Medio Oriente, costringendo milioni di persone ad abbandonare le loro terre. La risposta entusiasta che l’Iniziativa Stop Global Warming ha raccolto è dunque un segnale particolarmente importante e politicamente significativo”.

Stop Global Warming ad oggi ha ottenuto l’adesione di 60 mila cittadini europei. Tra questi anche Mogens Lykketoft, presidente dell’Assemblea Onu ai tempi degli Accordi di Parigi, Navanethem Pillay, Alto Commissario ONU per i Diritti Umani dal 2008 al 20914, 3 ex commissari europei (Emma Bonino, Violetta Bulc, Vytenis Povilas Andriukaitis), del comitato di EarthDay (gli organizzatori della Giornata Mondiale della Terra), una rete di oltre 100 sindaci italiani ed europei e tante tante personalità del mondo della scienza, della cultura e dello spettacolo da Oliviero a Toscani al climatologo Luca Mercalli e artisti come Claudia Gerini, Camilla Filippi, Giorgio Marchesi, Nicoletta Romanoff, Gabriele Salvatores, Biagio Antonacci, Gabriele Muccino, Kasia Smutniak, Pif, Fedez, Tessa Gelisio, Mara Maionchi, Edoardo Bennato, Nina Zilli, Neri Marcorè, Giobbe Covatta, Sergio Cammariere, Davide Oldani, Giulia Innocenzi, Cristiana Capotondi,  Arisa, Pierluigi Pardo e tantissimi altri).