Mattarella risponde a Severino Mingroni e scrive ad Apple

«Carissimo presidente della Repubblica Sergio Mattarella, sono un disabile gravissimo con sindrome locked-in, abito a Casoli e domani mattina lei sarà proprio qui, vicino a casa mia. Non le chiedo tanto di venire da me, ma la prego di fare in modo che la Apple legga il mio post».

Era il 24 aprile scorso quando Severino Mingroni scrisse al capo dello Stato – che il giorno dopo avrebbe visitato Casoli- su un argomento di fondamentale importanza per lui: le modifiche tecnologiche al software della tastiera virtuale, con la quale riesce a comunicare, che non sarà più compatibile con lo standard Apple.

LEGGI TUTTO SUL BLOG DI SEVERINO MINGRONI: QUI

E la risposta di Mattarella, Presidente della Repubblica, non si è fatta attendere: su suggerimento di Severino Mingroni, ha scritto al vice presidente della Apple, Lisa Jackson, a Cupertino (Usa), affinché le richieste del disabile abruzzese siano prese in considerazione.

Severino è un vero guerriero racchiuso nel bozzolo del suo corpo. Da sempre in prima linea per battaglie come la vita indipendente, il riconoscimento dell’assistenza sessuale ai disabili gravi, al testamento biologico, al diritto all’eutanasia.

L’INTERVISTA A SEVERINO MINGRONI DEL TGR ABRUZZO: CLICCA QUI

 

L’Associazione Luca Coscioni è una associazione no profit di promozione sociale. Tra le sue priorità vi sono l’affermazione delle libertà civili e i diritti umani, in particolare quello alla scienza, l’assistenza personale autogestita, l’abbattimento della barriere architettoniche, le scelte di fine vita, la legalizzazione dell’eutanasia, l’accesso ai cannabinoidi medici e il monitoraggio mondiale di leggi e politiche in materia di scienza e auto-determinazione.