#TiVotoSeTiImpegni, parte la nostra campagna per far conoscere gli impegni dei candidati su scienza e libertà

appello-ai-candidati

WWW.TIVOTOSETIIMPEGNI.IT, #TiVotoSeTiImpegni #ConoscerePerDeliberare

Quali candidati e partiti metteranno al centro del proprio impegno politico IL FUTURO DELLA SCIENZA E DELLE LIBERTÀ?

Mentre la competizione in campo internazionale si gioca sul terreno della conoscenza, in questa partita l’Italia stagna da anni sul fondo delle classifiche, debole di un investimento in ricerca scientifica pari all’1,2-1,3% sul Pil, in compagnia di Paesi balcanici e dell’Est europeo. Ben altra sensibilità su questi temi da parte di Francia e Germania, che porteranno il rispettivo impegno dal 3 al 3,5%, come Svizzera, Giappone, Svezia e Austria e all’inseguimento di Israele e Corea del Sud (4,5%).

Oltre agli investimenti in ricerca, il nostro Paese risulta indietro in tutti i campi legati alle libertà e all’autodeterminazione, questioni centrali per il futuro e per la tenuta della democrazia liberale. Siamo al 30esimo posto su 46 Paesi osservati, dietro a realtà come Vietnam, Singapore, Sud Africa, India e Israele. Lo rivela il monitoraggio dell’Associazione Luca Coscioni, costantemente aggiornato sotto la direzione del Professor Andrea Boggio della Bryant University, sulla base di fonti pubbliche disponibili dal 2009 a oggi.

Lanciamo oggi #TiVotoSeTiImpegni, una campagna che prenderà vita intorno all’hashtag ufficiale, oltre che sui suoi social e sul sito www.tivotosetiimpegni.it e sarà centrata su una doppia azione rivolta ai candidati di tutti i partiti, che saranno contattati per chiedere se intendono impegnarsi circa 9 temi, come la RICERCA SULLE STAMINALI, la CANNABIS, l’EUTANASIA, iL MIGLIORAMENTO GENETICO, DALLA FECONDAZIONE ASSISTITA AI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITÀ. 

Ma la chiamata all’azione coinvolge anche agli elettori, ai quali è chiesto un aiuto per sollecitare i candidati, in particolare sottoscrivendo l’appello affinché i candidati rispondano ai quesiti.

Marco Cappato, tesoriere dell’associazione Luca Coscioni, il lancio della campagna  tramite un video messaggio: Il 4 marzo si vota sulla vita!

Sì, non si vota solo per eleggere parlamentari: si vota anche per il futuro della scienza e delle libertà. Per questo, come Associazione Luca Coscioni, chiediamo ai candidati di tutti i partiti di impegnarsi con gli elettori su temi importantissimi: dalla ricerca sulle staminali alla cannabis, dall’eutanasia al miglioramento genetico, dalla fecondazione assistita ai diritti delle persone con disabilità. Se vuoi conoscere chi votare, e far parlare di questi temi in campagna elettorale, firma e fai firmare l’appello a tutti i candidati perché si impegnino sulla vita e sulle libertà.

Su www.tivotosetiimpegni.it dal 15 febbraio saranno pubblicati gli esiti delle prime risposte pervenute dai candidati, così che i cittadini possano farsi un’idea.

L’Associazione Luca Coscioni è una associazione no profit di promozione sociale. Tra le sue priorità vi sono l’affermazione delle libertà civili e i diritti umani, in particolare quello alla scienza, l’assistenza personale autogestita, l’abbattimento della barriere architettoniche, le scelte di fine vita, la legalizzazione dell’eutanasia, l’accesso ai cannabinoidi medici e il monitoraggio mondiale di leggi e politiche in materia di scienza e auto-determinazione.