Consegnate le 130mila firme al Presidente della Camera Fico

Foto dell'incontro con il presidente Fico. presenti Marco Cappato, Filomena Gallo, MIna Welby, Marco Perduca e Carlo Troilo

La delegazione dell’Associazione Luca Coscioni ha consegnato al Presidente della Camera Fico le 130 firme raccolte sulla proposta di legge di iniziativa popolare su “Rifiuto di trattamenti sanitari e liceità dell’eutanasia”.

“Oggi al presidente Fico abbiamo portato un dono atipico, 130mila firme di cittadini italiani che chiedono che venga legalizzata l’eutanasia”. Sono le parole di Filomena Gallo dopo aver partecipato con Marco Cappato, Mina Welby, Marco Perduca e Carlo Troilo all’incontro con il presidente della Camera a Montecitorio.

“Sappiamo bene che la proposta non è contenuta nel contratto di Governo, ma speriamo di alimentare un dibattito fondato sulla libera scelta di ogni parlamentare”, conclude Cappato.

 

Se non hai ancora firmato puoi farlo subito su www.eutanasialegale.it.

Per sostenere la campagna per la legalizzazione dell’eutanasia queste le modalità:

Con carta di credito online al seguente link http://www.eutanasialegale.it/sostienici

Se non possiedi una carta di credito puoi donare con le seguenti modalità specificando nella causale “Campagna Eutanasia Legale”:

Con bonifico bancario:
intestato a Associazione Luca Coscioni
presso la Banca di Credito Cooperativo di Roma ag. 21 Roma
IBAN: IT79E0832703221000000002549
BIC: ROMAITRR

Con conto corrente postale:
Conto corrente postale n. 41025677 intestato a “Associazione Luca Coscioni”
Via di Torre Argentina, 76
00186, Roma

Attenzione nel caso di versamenti con bonifico bancario e conto corrente postale si prega di specificare nella causale “eutanasia legale” e di inviare una mail a coordinamento@eutanasialegale.it o un fax al numero 06.23327248 indicando i propri dati anagrafici e recapiti per una corretta attribuzione del versamento

L’Associazione Luca Coscioni è una associazione no profit di promozione sociale. Tra le sue priorità vi sono l’affermazione delle libertà civili e i diritti umani, in particolare quello alla scienza, l’assistenza personale autogestita, l’abbattimento della barriere architettoniche, le scelte di fine vita, la legalizzazione dell’eutanasia, l’accesso ai cannabinoidi medici e il monitoraggio mondiale di leggi e politiche in materia di scienza e auto-determinazione.