A Verona il congresso mondiale contro persone e famiglie

Filomena Gallo, segretario Associazione Luca Coscioni

Il 29 marzo si aprirà a Verona il tredicesimo congresso organizzato da associazioni oscurantiste contro i diritti umani acquisiti dalle donne, dalle famiglie eterosessuali e dalle persone e famiglie LGBTI. Si tratta dell’autodefinito World Congress of Families (Congresso Mondiale delle Famiglie).

L’evento è pensato, organizzato e indirizzato a estremisti religiosi, anti-abortisti, anti-divorzisti, anti-femministi e anti-LGBTI.

Nel manifesto dell’evento è chiaramente visibile il patrocinio della Regione Veneto e della Provincia di Verona. Nonostante ciò che si legge in giro in queste ore, è ancora presente il patrocinio del Ministero della Famiglia oltre al logo della Presidenza del Consiglio. Tra gli sponsor compare poi anche il Comune di Verona.

Fra i relatori del Congresso spiccano il Ministro dell’Interno Matteo Salvini quello dell’Istruzione Marco Bussetti e il Ministro per la Famiglia e la Disabilità Lorenzo Fontana oltre al presidente moldavo Igor Dodon, il  ministro per la Famiglia ungherese Katalin Novak, il Patriarca della Chiesa Cattolica sira e Theresa Okafor, attivista anti-LGBT in Nigeria.

Grazie a All Out Action Fund è stato creato un sito che raccoglie alcune affermazioni di alcuni dei relatori, tratte da fonti attendibili. Lo trovi cliccando qui.

Sempre tramite All Out possiamo chiedere insieme la revoca dei patrocini istituzionali firmando qui.

Filomena Gallo è Segretario nazionale dell’Associazione Luca Coscioni. Avvocato cassazionista è esperta in diritto di famiglia, diritto internazionale e in problematiche legislative nelle biotecnologie in campo umano. Docente a contratto presso l’Università di Teramo, ha seguito la maggior parte dei procedimenti legali che hanno portato agli interventi della Corte Costituzionale con dichiarazione di incostituzionalità della legge 40/04.