Diagnosi preimpianto

Diagnosi preimpianto: cos’è?

La diagnosi preimpianto è una indagine clinica diagnostica sull’embrione per individuare malattie genetiche. Poiché gli embrioni devono essere analizzati in laboratorio, sarà necessario sottoporre la coppia ad un programma di fecondazione in vitro (FIV) anche se non ci sono problemi di fertilità. Gli embrioni analizzati e non affetti dalla patologia indagata saranno trasferiti in utero confidando nell’attecchimento.

A seguire troverai un po’ di informazioni. Se hai domande puoi interrogare in forma del tutto anonima CitBot, l’intelligenza artificiale per le libertà civili. Puoi usarlo cliccando nell’icona blu che trovi in basso a destra in questa pagina e facendo la tua domanda! Se hai problemi a trovare CitBot, clicca qui.

In Italia possono accedere a tali indagini le coppie di sesso diverso infertili, sterili o le coppie fertili portatrici di malattie genetiche. Le coppie fertili che non sono portatrici di malattie genetiche  o virali non possono accedervi, così come le coppie dello stesso sesso.

Cosa facciamo noi

Dal 2015, grazie alla sentenza 96/2015 della Corte Costituzionale, emessa a seguito di un procedimento presso il Tribunale di Roma per due coppie con l’Associazione Luca Coscioni, anche le coppie fertili con patologie genetiche possono accedere alla fecondazione assistita.

Secondo la Relazione 2019 al Parlamento sull’applicazione della Legge 40 a cura del Ministro della Salute, nel 2017, con questa tecnica, sono nati 705 bambini, che altrimenti non avrebbero mai visto la luce. Il costoso accesso alla Diagnosi preimpianto è, tuttavia, ancora ostacolato nel nostro Paese: infatti non è incluso nei Livelli Essenziali di Assistenza (LEA) e, pertanto, non è a carico del Servizio sanitario nazionale. Sono poche le regioni che si fanno carico della spesa.

Come Associazione Luca Coscioni, da anni, ci stiamo battendo perché questa disparità venga colmata quanto prima. Nel 2017, abbiamo promosso un appello indirizzato all’allora Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, affinché questa tecnica venisse inserita nei Livelli Essenziali di Assistenza. La richiesta è stata reiterata anche ai suoi successori: Giulia Grillo e Roberto Speranza.

Se hai domande puoi interrogare in forma del tutto anonima CitBot, l’intelligenza artificiale per le libertà civili. Puoi usarlo cliccando nell’icona blu che trovi in basso a destra in questa pagina e facendo la tua domanda! Se hai problemi a trovare CitBot, clicca qui.


Firma anche tu l’Appello al Ministro Roberto Speranza per inserire la diagnosi preimpianto nei LEA


Vuoi saperne di più? Ecco alcuni link utili

*ultimo aggiornamento: 30 marzo 2017


Hai ancora dubbi o vuoi sottoporci il tuo caso? Scrivici a info@associazionelucacoscioni.it