Fotografi di Mina Welby che invita a firmare l'appello
Firma subito

Un anno e mezzo fa, la Camera dei Deputati iniziava a discutere di testamento biologico. Solo ad aprile del 2017 il testo della legge per il #Biotestamento è stato finalmente approvato ad ampia maggioranza.

In Senato ora la legge rischia di arenarsi in Commissione Igiene e Sanità a causa di migliaia di emendamenti dei nemici della libertà di auto-determinazione. Se il testo non fosse approvato in breve tempo, visto l’arrivo dell’estate e l’imminente fine della legislatura, rischieremo di non avere alcuna legge.

I pazienti che non hanno alle spalle una famiglia abbiente e che non può permettersi di ricorrere a un giudice, continuerebbero a non essere ascoltati; allo stesso tempo i medici continuerebbero a non essere tutelati nel loro rispetto delle volontà del paziente.

Un intollerabile nulla di fatto a undici anni dal caso di Piergiorgio Welby e a otto anni da quello di Eluana Englaro.

Per questo, ci appelliamo ai capigruppo al Senato affinché, contro l’ostruzionismo dei proibizionisti, si calendarizzi subito la legge in l’Aula.

Si tratta di una decisione di buon senso che il nostro paese attende da decenni.

Mina Welby, co-presidente Associazione Luca Coscioni
Marco Cappato, promotore campagna Eutanasia Legale
Filomena Gallo, segretario Associazione Luca Coscioni
Matteo Mainardi, coordinatore campagna Eutanasia Legale

Condividi l'appello con la tua rete professionale su Linkedin