Filomena Gallo

Biografia: 

Filomena Gallo è Segretario nazionale dell'Associazione Luca Coscioni per la libertà di ricerca scientifica.

Nata a Basilea nel 1968, fino all'età di 18 anni ha vissuto tra Campodolcino (Sondrio), Zafferana Etnea (Catania) e Teggiano (Salerno).

Dal 1989 vive a Salerno, città dove ha conseguito la Laurea in Giurisprudenza presso l' Università degli Studi di Salerno, con tesi in diritto internazionale.

Dopo la laurea, prima di conseguire l’abilitazione alla professione forense ha collaborato con il Prof. Francesco Guida, presso l'Università di Salerno cattedra di Diritto Comunitario Comparato. Nel contempo si è specializzata in Diritto Minorile, Diritto di Famiglia, Diritto pubblico.

 

Avvocato, docente di legislazione e bioetica presso l’Università di Teramo, è mediatore professionista abilitato e docente in materia di conciliazione, coautrice di numerose pubblicazioni in materia di diritto di famiglia.
 
Dal 1998 è Presidente dell’Associazione Amica Cicogna.
 
Dal 2004 al 2009 è stata Presidente della Commissione Provinciale di Salerno per le pari opportunità e durante il suo mandato sono state istituite 25 commissioni comunali pari opportunità e comitati pari opportunità; modificati i regolamenti comunali di istituzione di dette commissioni; realizzata la staffetta contro la violenza promossa dall'UDI (Unione Donne in Italia) su circa 158 comuni per 5 giorni; realizzata la prima campagna provinciale in Italia contro le mutilazioni genitali femminili, con la collaborazione di Non C'è Pace Senza Giustizia; abbattute le barrire sensoriali per tutte le iniziative pubbliche realizzate dalla commissione; realizzato un protocollo d'intesa con P.A. e aziende ospedaliere sulla salute della donna per garantire maggiore accesso alla prevenzione; promosso azioni contro lo stalking; realizzate azioni contro l'usura e promosso la Lega delle amministratrici della P.A. per le politiche sulle pari opportunità.
Nel 2007 e nel 2009 è stata premiata da associazioni di settore come professionista dell'anno.
 
Nel 2004 è stata, insieme agli esponenti Radicali e delle altre associazioni, firmataria in Cassazione dei referendum sulla legge 40/04. Ha presieduto nello stesso anno il comitato referendario a Salerno e coordinato le associazioni della regione. 
 
Dal 2005 coordina un pool di legali per l'Associazione Luca Coscioni in collaborazione con le associazioni Amica Cicogna, Cerco un bimbo, L'altra cicogna, per la riforma della legge 40. Attraverso questo coordinamento ad oggi sono state ottenute le decisioni che hanno determinato la maggior parte dei cambiamenti nella legge sulla procreazione medicalmente assistita (TAR Lazio; sentenza 15/09 Corte Costituzionale numero 2; 2010 Ordinanza tribunale di Salerno su accesso alle tecniche; 2010 Ordinanza tribunale di Firenze solleva il dubbio di legittimità costituzionale sul divieto di eterologa su cui pende giudizio di Costituzionalità).
 
Nel 2006 ha promosso e ottenuto per l'Associazione Luca Coscioni, con le adesioni di ADUC, Tribunale diritti del malato, cerco un Bimbo e L'altra cicogna, l'immissione di giuste avvertenze su farmaci di derivazione umana con Nota AIFA.
 
Candidata con accademici e scienziati nelle liste della Rosa nel Pugno al Parlamento italiano è stata membro di direzione della Rosa nel Pugno nel 2006.
 
Dal 2007 al 2011 è stata consulente esperta del Ministero Politiche Comunitarie e consulente esperto per l'Agenzia Italiana del Farmaco.
 
E' stata vice-segretario dell'Associazione Luca Coscioni dal 2008 fino al 2 ottobre 2011, quando l'VIII Congresso dell'Associazione Luca Coscioni per la libertà di ricerca scientifica la elegge Segretario nazionale.

 

 

Dello stesso autore

7 Nov 2012

Il Parlamento dovrebbe eliminare il divieto di eterologa e di accesso alle tecniche di Pma per le coppie che ne hanno bisogno anche se fertili, queste sono questioni urgenti.

9 Ott 2012

Questo Congresso si tiene esattamente dieci anni dopo la nascita dell’ Associazione Luca Coscioni con Luca e con molti di voi. E’ un congresso che si svolge in un momento politico particolare, un momento d’ incertezza, dove dobbiamo far contare quello che abbiamo fatto e il da farsi.

il Manifesto
24 Mag 2012

Se sei in menopausa precoce o hai eseguito cure chemioterapiche o per altri motivi sei sterile, in Italia puoi accedere alle tecniche di procreazione medicalmente assistita con gameti interni perché la legge prevede che per poter avere accesso a queste tecniche le coppie debbano possedere il requisito dell'infertilità o sterilità.

20 Mag 2012

 In Italia l'obiezione di coscienza da parte degli operatori sanitari è diventata negli ultimi anni strumento di boicottaggio e disapplicazione di fatto della legge 194 sull'interruzione volontaria di gravidanza. Per questo l'Associazione Luca Coscioni e l'Associazione Italiana per l’Educazione Demografica (AIED) hanno deciso di organizzare per martedì 22 maggio, presso la Sala Capitolare della Biblioteca del Senato della Repubblica, un convegno dal titolo "Obiezione di coscienza in Italia. Proposte giuridiche a garanzia della piena applicazione della legge 194 sull'aborto".

13 Mag 2012

Dichiarazione Filomena Gallo, segretario Associazione Luca Coscioni,avvocato della coppia che ha scritto al Presidente della Repubblica.

L’incidente avvenuto nel centro di Fecondazione dell’ospedale S. Filippo Neri si sarebbe potuto evitare se la Presidente della Regione Lazio Renata Polverini, anche in funzione di commissario alla sanità del Lazio, avesse predisposto verifiche e autorizzazioni previste per legge.

Le dichiarazioni del ministro dell’ambiente Corrado Clini sugli OGM meritano un plauso perché rimettono all'ordine del giorno un tema accantonato. Il nostro Paese continua ad applicare il divieto per gli scienziati di lavorare in campo aperto sugli Ogm, al contrario di quanto possono fare gli scienziati francesi, tedeschi, olandesi, spagnoli o del Regno unito.

1 Mar 2012

 In merito a quanto scritto stamane da Tommaso Scandroglio sull’inserto È vita di Avvenire di oggi (Radicali senza freni: «Stop alle farmacie che obiettano») rispondo non facendo pura demagogia, come spesso si usa fare sulle pagine di Avvenire quando si criticano le scelte radicali e dell’Associazione Luca Coscioni. Preferisco riportare dati sui quali non si possono creare scontri ideologici, perché auto evidenti.

1 Mar 2012

Ieri si è celebrata la Giornata mondiale delle malattie rare. Lo slogan: ‘Rari, ma forti insieme’. Oggi sulla stampa la cronaca delle iniziative promosse. Ma rimarrà tutto solo su carta o verrà concretizzato?

Pagine